author Chiamaci: +39 0588 87432

Confronta gli annunci

CONSISTENZA CATASTALE : DEFINIZIONE E NOZIONI DI CALCOLO

CONSISTENZA CATASTALE : DEFINIZIONE E NOZIONI DI CALCOLO

  • DEFINIZIONE

La consistenza catastale non è altro che la misura che il catasto utilizza per calcolare la grandezza di un immobile adottando uno specifico parametro come unità di misura.

Attenzione però, questo parametro non è lo stesso per tutte le categorie di immobili, infatti il catasto utilizza:

  • Il vano utile come unità di misura del gruppo A ( alloggi residenziali ed uffici privati).
  • Il metro cubo come unità di misura del gruppo B ( uffici pubblici, scuole e ospedali).
  • Il metro quadro come unità di misura del gruppo C ( negozi, laboratori artigianali, garage e magazzini).

La consistenza catastale risulta fondamentale per la giusta attribuzione degli importi di tasse e tributi.

 

  • VANO UTILE: cos’è

Come riportato nella ISTRUZIONE II della Direzione Generale del Catasto e dei servizi tecnici erariali, “Si considera vano utile lo spazio chiuso da muri o pareti dal pavimento al soffitto, avente generalmente luce diretta ed una superficie libera, che in relazione alla categoria e classe di cui trattasi, è stabilito come normale”.

Quindi, secondo la precedente definizione, il vano utile non coincide esattamente con le tutte le stanze del nostro appartamento, ecco perché il catasto suddivide i vani in base al loro utilizzo e alla loro grandezza, vediamo adesso nello specifico come vengono identificati:

  • Vani principali ( soggiorno, camera, cucina …): sono quei vani che vengono utilizzati principalmente nel contesto abitativo, che hanno una superficie compresa entro i limiti imposti per ciascuna categoria e comune d’appartenenza. Attenzione la cucina viene considerata vano principale anche se la sua superficie è minore.
  • Accessori diretti (bagni, disimpegni …): sono i vani al servizio dei vani principali o che fungono da collegamento tra essi.
  • Accessori complementari (soffitte, cantine ….): sono i vani annessi ai vani principali, ma non necessari alla funzione abitativa.
  • Dipendenze(giardini,terrazze, portici): sono quelle superfici libere dell’unità immobiliare, sia a servizio diretto, che a comune.

 

  • NOZIONI DI CALCOLO

 

Indicativamente il calcolo della consistenza catastale avviene sommando il numero dei vani principali ( nel caso siano più grandi dei limiti imposti va sommata anche l’eccedenza), gli accessori diretti( 1/3 di vano utile), gli accessori complementari (1/4 di vano utile), percentuale di incremento o decremento  per le dipendenze dell’immobile che arriva fino al 10%.

 

PER UNA CONSULENZA, VALUTAZIONE OPPURE SE VUOI VENDERE O AFFITTARE IL TUO IMMOBILE, AFFIDATI A PROFESSIONISTI DEL SETTORE,

VIENI A TROVARCI IN UFFICIO, SIAMO IN VIA DON MINZONI N° 40 A POCHI PASSI DAL MUSEO ETRUSCO!

TEL. 0588/87432

img

Immobiliare Capezzuoli

Post correlati

BONUS EDILIZIA 2020 – LE PRINCIPALI AGEVOLAZIONI ( E LE RELATIVE SCADENZE!)

Nel 2020 sono stati pubblicati numerosi incentivi riguardanti le opere edilizie, lo scopo di questo...

Continua a leggere
di Immobiliare Capezzuoli

BONUS FACCIATE 2020

CHE COS’E’ A CHI SPETTA IN COSA CONSISTE PER QUALI INTERVENTI    CHE...

Continua a leggere
di Immobiliare Capezzuoli

Partecipa alla discussione